top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreТимофей Милорадович

Traduci dall'italiano all'inglese / LA PSICOLOGIA dello SBLOCCARE, saggio

Aggiornamento: 5 ott 2022

Brianna Wiest


LA PSICOLOGIA dello SBLOCCARE e le 3 FASI PER RENDERE AUTONOME ABITUDINI





Il successo è più un prodotto dell'abitudine che dell'abilità. Per eccellere in qualcosa, devi essere in grado di farlo in modo prolifico. Molte persone scrivono bene. Poche persone scrivono bene e in modo coerente. Ciò che separa gli esperti dal resto di noi è una miscela di profondo autocontrollo, routine disciplinata e dedizione incrollabile.


Mentre l'abilità naturale è più o meno qualcosa con cui sei nato, l'autocontrollo è qualcosa che sviluppi. La maggior parte delle persone crede che sia vero il contrario: che possono perfezionare il loro talento, ma che la spinta a farlo arriverà facilmente.


Le nostre menti hanno mezzi limitati per l'autocontrollo. Vale a dire, siamo in grado di trattenerci dai nostri impulsi e desideri solo per un periodo di tempo ogni giorno. Con la pratica, possiamo estendere quel periodo, ma è comunque finito.


Le persone che lo capiscono usano il loro tempo con saggezza: eliminano i processi decisionali non necessari, riducono le distrazioni, minimizzano ciò che non conta e poi si concentrano. Col tempo, diventa una seconda natura. Negli anni '60, infatti, gli psicologi hanno individuato tre fasi specifiche che dobbiamo attraversare per acquisire queste nuove competenze:


Cognitivo: quando intellettualizziamo per la prima volta il compito, commettiamo errori e alla fine elaboriamo nuove strategie per ottenere risultati migliori.


Associativo: quando è ancora richiesto uno sforzo per completare l'attività, ma è meno faticoso mentalmente di quanto non fosse. Alcuni aspetti del compito stanno cominciando a venire naturalmente, gli errori vengono ancora commessi.


Autonomo: entriamo nel "pilota automatico" o, in alcuni casi, nel "flusso". Possiamo liberarci dalla concentrazione cosciente e lasciare che la nostra programmazione prenda il sopravvento.


Tuttavia, è a volte tra le ultime due fasi che veniamo catturati in una sorta di plateau: facciamo il compito abbastanza spesso, ma la nostra aspettativa su come dovremmo comportarci è ancora a miglia di distanza da come pensiamo che dovrebbe essere. È ciò che Ira Glass chiama il "divario creativo", il punto in cui la maggior parte delle persone rinuncia.


“Per i primi due anni fai cose, semplicemente non è così buono. Sta cercando di essere buono, ha del potenziale, ma non lo è. Ma il tuo gusto, la cosa che ti ha messo in gioco, è ancora assassino. E il tuo gusto è il motivo per cui il tuo lavoro ti delude. Molte persone non superano mai questa fase, se ne vanno... Se sei appena agli inizi o sei ancora in questa fase, devi sapere che è normale e la cosa più importante che puoi fare è lavorare molto. Mettiti una scadenza in modo che ogni settimana finirai una storia. È solo passando attraverso un volume di lavoro che colmerai quel divario e il tuo lavoro sarà all'altezza delle tue ambizioni. E ho impiegato più tempo per capire come farlo di chiunque abbia mai incontrato. Ci vorrà un po'. È normale che ci voglia un po'. Devi solo combattere per farti strada.


La differenza tra le persone che perseverano nel vedere che il loro lavoro è all'altezza dei loro standard e le persone che gettano la spugna non è un talento puro e senza precedenti. Si tratta solo di avere l'impegno (spesso scomodo) di continuare a crescere.


Se non hai il desiderio né la capacità di superare l'altopiano, allora un esodo è un mezzo per mostrarti che c'è qualcos'altro più adatto a te. Se lo fai, significa che devi eliminare i dettagli non necessari, lavorare con la tua attuale soglia di autocontrollo e andare avanti. Sbloccarsi è rendersi conto che non sei mai stato bloccato in primo luogo; ti sei fermato solo a chiederti: "È per questo che sono qui?"



Opzione di traduzione



Post correlati

Perfetto - imperfetto

Sophie lavora a Dubai, ma Amy sperava di poterle chiedere un favore. Amy: Allora, tua madre è in casa? Anna: No, non c'è. Lei è... Olly? Dov'è la mamma? L'ho dimenticato. Olly: A Dubai. Sta scrivendo

Comments


bottom of page