top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreТимофей Милорадович

Il Palazzo delle Aquile




A est della Terra del Sol Levante dimorava un re che trascorreva tutti i suoi giorni e metà delle sue notti nel piacere. Il suo regno era ai confini del mondo, secondo la conoscenza di quei tempi, e quasi interamente circondato dal mare. A nessuno sembrava importare cosa c'era dietro la barriera di rocce che isolavano la terra dal resto del mondo. A proposito, nessuno sembrava preoccuparsi molto di nulla in quel regno.


La maggior parte delle persone seguiva l'esempio del re e conduceva una vita oziosa e negligente, senza pensare al futuro. Il re considerava un grande fastidio il compito di governare i suoi sudditi; non gli interessava preoccuparsi di proposte riguardanti il benessere delle masse e i documenti portatigli dai suoi consiglieri per la firma non venivano mai letti.


Per quel che ne sapeva, forse si riferivano ai regolamenti scolastici della luna, invece che alle leggi del commercio e simili questioni pubbliche. "Non disturbarmi", era la sua solita risposta. “Voi siete i miei consiglieri e ufficiali di stato. Affronta gli affari come meglio credi. E sarebbe partito per la sua amata caccia, che era il suo passatempo preferito.


La terra era fertile e nessuno aveva mai avuto l'idea che il maltempo potesse, un anno, danneggiare i raccolti e causare una scarsità di grano. Non presero alcuna precauzione per depositare scorte di grano, e così quando un'estate c'era una grande mancanza di pioggia ei campi erano aridi, l'inverno che seguì fu segnato dalla sofferenza. Il regno dovette affrontare la carestia e al popolo non piacque.



Non sapevano cosa fare e quando si appellarono al re, non poteva aiutarli. In effetti, non riusciva a capire la difficoltà. Lo ha fatto passare molto alla leggera. "Sono un potente cacciatore", ha detto. "Posso sempre uccidere abbastanza bestie per fornire una quantità sufficiente di cibo." Ma la siccità aveva seccato l'erba e gli alberi, e la scarsità di tale cibo aveva ridotto notevolmente il numero degli animali. Il re trovò le foreste prive di cervi e uccelli. Tuttavia non si rese conto della gravità della situazione e quella che considerava un'idea estremamente brillante lo colpì.


"Esplorerò il territorio sconosciuto oltre la barriera delle colline rocciose", ha detto. “Di certo lì troverò una terra di abbondanza. E, almeno", ha aggiunto, "sarà una piacevole avventura con una buona caccia". Fu quindi organizzata una grande spedizione, e il re ei suoi compagni di caccia si misero in cammino per trovare un sentiero sulle rocce.


Ciò non fu affatto difficile, e il terzo giorno fu scoperto un passo tra le balze e le cime che formavano la sommità della barriera, e il re vide la regione al di là. Sembrava una terra vasta e bella, che si estendeva a perdita d'occhio in una foresta di alberi enormi. Con cautela, i cacciatori scesero dall'altra parte della barriera rocciosa ed entrarono nella terra sconosciuta.


Sembrava disabitato. Né c'era alcun segno di bestia o uccello di alcun tipo. Nessun suono disturbava l'immobilità della foresta, nessuna traccia era visibile.

Per quanto i cacciatori potessero distinguere, nessun piede aveva mai calpestato la regione prima. Anche la natura sembrava riposata. Gli alberi erano tutti vecchi, i loro tronchi nodosi in forme fantastiche, le foglie gialle e sere come se la crescita si fosse fermata da secoli.


Nel complesso, la marcia attraverso la foresta era piuttosto inquietante, ei cacciatori procedevano in fila indiana, il che accresceva l'imponenza della strana esperienza. La novità, tuttavia, rese la cosa piacevole al re, che continuò per la sua strada per quattro giorni. Poi la foresta finì bruscamente e gli esploratori giunsero in una vasta pianura aperta, un deserto, attraverso il quale scorreva un ampio fiume. Molto più in là si ergeva una montagna sormontata da rocce di forma regolare. Ad ogni modo sembravano sassi, ma la distanza era troppo grande per permettere a qualcuno di parlare con certezza.


"L'acqua", disse il visir, "è un segno di vita".


Così il re decise di proseguire fino alla montagna. Nel fiume fu scoperto un guado, e una volta dall'altra parte era possibile distinguere le rocce che coronavano la montagna. Sembravano troppo regolari per essere semplici rocce, e avvicinandosi il re era sicuro che un enorme edificio doveva trovarsi in cima alla montagna.



Quando sono arrivati abbastanza vicini, non c'era dubbio. Sulla vetta c'era o una città, o un palazzo, e si decise di fare la salita il giorno successivo. Durante la notte non si udì alcun suono, ma con sorpresa di tutti al mattino fu notato un distinto sentiero su per la montagna.


Era così ricoperta di erbacce, muschio e rampicanti sbandati che era ovvio che non veniva usata da molto tempo. La salita fu quindi difficile, ma a metà della salita si manifestò il primo segno di vita, notato fin dall'inizio della spedizione. Era un'aquila. Improvvisamente volò giù dalla cima della montagna e volò in cerchio sopra i cacciatori, urlando, ma senza tentare di attaccare.


Alla fine la vetta fu conquistata. Era un altopiano pianeggiante di grande estensione, quasi tutto coperto da un enorme edificio di possenti mura e stupende torri.


"Questo è il palazzo di un grande monarca", disse il re. Ma non si poteva vedere alcun ingresso di alcun tipo. Trascorse il resto della giornata girovagando, ma da nessuna parte si vedeva una porta, una finestra o un'apertura. Si decise di fare uno sforzo più serio la mattina successiva per ottenere l'ingresso.


Alla fine, uno dei più avventurosi del gruppo scoprì un nido d'aquila su una delle torri più piccole, e con grande difficoltà si assicurò l'uccello e lo portò al re. Sua maestà ordinò a uno dei suoi saggi, Muflog, dotto nelle lingue degli uccelli, di parlargli. Lo ha fatto.


Con voce aspra e gracchiante, l'aquila rispose: "Io sono solo un giovane uccello, di soli sette secoli. Non so niente. Su una torre più alta di quella su cui abito, c'è il nido di mio padre. Potrebbe essere in grado di darti informazioni". Di più non avrebbe detto. L'unica cosa da fare era salire sulla torre più alta e interrogare il padre aquila.


Ciò fu fatto e l'uccello rispose: “Su una torre ancora più alta abita mio padre, e su una torre ancora più alta mio nonno, che ha duemila anni. Potrebbe sapere qualcosa. Non so nulla." Tuttavia, sembrava un enigma più grande che mai. Dopo notevoli difficoltà si raggiunse la torre più alta e si scoprì il venerabile uccello.


Sembrava addormentato e si è svegliato solo dopo molte lusinghe. Poi osservò con cautela i cacciatori. "Fammi vedere, fammi pensare", mormorò lentamente. "Ho sentito dire, quando ero un piccolo pulcino d'aquila, ma alcuni anni - è stato molto, molto tempo fa - che il mio bisnonno aveva detto che il suo bisnonno gli aveva detto che aveva sentito così tanto, tanto, tanto fa — oh, molto più a lungo di così — un re viveva in questo palazzo; che morì e lo lasciò alle aquile; e che nel corso di molti, molti, molti migliaia di anni la porta era stata coperta dalla polvere portata dai venti”.


"Dov'è la porta?" chiese Muflog. Era un enigma a cui l'antico uccello non poteva rispondere prontamente. Pensò e pensò e si addormentò e dovette continuare a essere svegliato finché alla fine si ricordò. "Quando il sole splende al mattino", gracchiò, "il suo primo raggio cade sulla porta". Poi, stanco di pensare e parlare, si addormentò di nuovo.


Non ci fu riposo per il gruppo quella notte. Tutti guardavano per assicurarsi di vedere il primo raggio del sole nascente colpire il palazzo. Quando lo ha fatto, il punto è stato attentamente notato. Ma non si vedeva nessuna porta. Fu quindi iniziato lo scavo e dopo molte ore si trovò un'apertura. Attraverso questo si effettuava un ingresso nel palazzo.


Che luogo meraviglioso e misterioso era, tutto invaso dalle erbacce dei secoli! Masse aggrovigliate di rampicanti giacevano ovunque, su quelli che un tempo erano percorsi ben curati e nascondevano quasi completamente gli edifici inferiori. Nelle fessure dei muri si erano insinuate le radici, e con la loro crescita avevano costretto le pietre a separarsi. Era tutto un terribile scenario di desolazione.


Gli uomini del re dovettero farsi strada faticosamente attraverso il deserto di erbacce con le loro spade fino all'edificio centrale, e quando lo fecero giunsero a una porta su cui c'era un'iscrizione scavata in profondità nel legno. La lingua era sconosciuta a tutti tranne a Muflog, che l'ha decifrata come segue: “Noi, gli abitanti di questo palazzo, abbiamo vissuto per molti anni nel comfort e nel lusso. Poi è arrivata la fame. Non ci eravamo preparati. Avevamo accumulato gioielli in abbondanza ma non il mais. Abbiamo macinato perle e rubini fino a ottenere una farina fine, ma non siamo riusciti a fare il pane. Perciò moriamo, lasciando in eredità questo Palazzo alle aquile che divoreranno i nostri corpi e costruiranno i loro nidi sulle nostre torri”.


Un terribile silenzio cadde sull'intero gruppo quando Muflog lesse queste strane parole e il re impallidì. Questo avvertimento dal passato morto stava rendendo l'avventura tutt'altro che piacevole. Alcuni del gruppo suggerirono l'immediato abbandono della spedizione e il tempestivo ritorno a casa.


Adesso temevano pericoli nascosti. Ma il re rimase risoluto. "Devo indagare su questo fino alla fine", ha detto con voce ferma. “Coloro che sono presi dalla paura possono tornare. Andrò avanti, se necessario, da solo".


Incoraggiati da queste parole, i cacciatori decisero di rimanere con il re. Uno di loro iniziò a bussare alla porta, ma il re era ansioso di conservare l'iscrizione e, dopo aver tagliato altre erbacce, si vide che la chiave era conficcata nella buco della serratura.


Sbloccare la porta, tuttavia, non era un compito facile, poiché secoli di ruggine si erano accumulati. Quando finalmente ciò fu compiuto, la porta scricchiolò pesantemente sui cardini e un odore di muffa proveniva dal corridoio umido che si rivelò. Gli esploratori camminarono nella polvere fino alle caviglie attraverso un labirinto di stanze fino a raggiungere una grande sala centrale delle statue. Erano così artisticamente modellati che sembravano realistici nei loro atteggiamenti, e per un momento tutti trattennero il respiro.


Questa sala era priva di polvere e Muflog fece notare che si trattava di una camera ermetica. Evidentemente era stato ideato appositamente per preservare le statue. "Queste devono essere le effigi dei re", ha detto sua maestà, e leggendo le iscrizioni, Muflog ha detto che era così.


In fondo alla sala, su un piedistallo più alto degli altri, c'era una statua più grande delle altre. Oltre al nome c'era un'iscrizione sul piedistallo. Muflog lo lesse in un silenzio sbalordito: “Io sono l'ultimo dei re, sì, l'ultimo degli uomini, e con le mie stesse mani ho completato quest'opera. Ho governato su mille città, ho cavalcato mille cavalli e ho ricevuto l'omaggio di mille principi vassalli; ma quando venne la carestia ero impotente. Voi che leggete questo, fate attenzione al destino che ha travolto questa terra. Prendi solo una parola di consiglio dall'ultimo dei mortali; prepara il tuo pasto finché dura la luce del giorno * * *”


Le parole si interruppero: il resto era indecifrabile. «Basta», gridò il re, e la sua voce non era ferma. “Questa è stata davvero una buona caccia. Ho imparato, nella mia follia e ricerca del piacere, ciò che non ero riuscito a vedere di persona. Torniamo e agiamo secondo il consiglio di questo re che ha raggiunto la fine che sarà sicuramente nostra se dimenticheremo il suo avvertimento”.


Guardando attraverso la pianura che avevano attraversato, sua maestà sembrava avere una visione di città prospere e sorridenti campi fertili. Nell'immaginazione, vedeva roulotte cariche di merci in viaggio attraverso gli spazi intermedi.


Poi, mentre si susseguivano pensieri più oscuri, una nuvola sembrò posarsi sull'intera terra. Le città crollarono e scomparvero, le aquile piombarono giù e si impossessarono di ciò che l'uomo non aveva saputo apprezzare e trattenere; e dopo le aquile la polvere dei secoli si posò lentamente, accumulandosi anno dopo anno finché tutto fu coperto e solo il deserto fu visibile.


Non fu pronunciata quasi una parola mentre il re ei suoi cacciatori tornavano nella terra a est del Sol Levante. In tutto erano stati via quaranta giorni quando hanno riattraversato la barriera di rocce. Sono stati accolti con gioia.


"Che cosa avete portato", ha chiesto la popolazione. "Tra poco moriremo di fame." "Non morirete di fame", disse il re. “Ho portato la saggezza dal Palazzo delle Aquile. Dal destino e dalle sofferenze degli altri ho imparato una lezione: il mio dovere».


Immediatamente si mise al lavoro per organizzare la corretta distribuzione del cibo e la coltivazione della terra. Non perse altro tempo in folli piaceri e, a tempo debito, la terra a est del Sol Levante godette di felicità e prosperità e stabilì addirittura colonie fruttuose nella pianura dominata dal Palazzo delle Aquile.

Kommentare


bottom of page