top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreТимофей Милорадович

I miei sentimenti e pensieri sulla lingua italiana / Italiano pratica del saggio

Aggiornamento: 5 ott 2022




Quando impari l'italiano, dovresti capire la complessità della traiettoria della sua svilupazione.


L'italiano è volgare latino, semplificato. E la primissima forma letteraria del latino volgare in Italia fu applicata dalla Scuola di poesia siciliana. Fu il primo standard di italiano letterario, letto in tutta la penisola. C'erano molti prerequisiti per questo.


Per diversi secoli in Sicilia è stata utilizzata la lingua greca, lingua di scienziati, santi e poeti. È noto che Archimede visse nella Siracusa siciliana nel III secolo a.C., mentre la Sicilia era una fiorente colonia greca, grazie alla fertilità della terra siciliana. E nel IV secolo d.C., vediamo santi in Sicilia, i primi cristiani, bizantini ben istruite. Il ricordo di Santa Lucia è ancora ampiamente celebrato prima di Natale in tutto il mondo nell'estremo nord Europa, Svezia e Paesi Bassi, questa festa fa parte delle tradizioni natalizie in Russia quando prepariamo la kutia (un piatto magro a base di cereali integrali, proveniva dalla Sicilia). Così, la terra di Sicilia ha dato un contributo significativo allo sviluppo della tradizione culturale mondiale.


Nel 660, l'imperatore bizantino Costante II si trasferì da Costantinopoli a Siracusa, dopodiché iniziarano a parlare a Bisanzio che la capitale sarebbe stata spostata da Costantinopoli a Siracusa. Ciò era dovuto alla posizione strategica della Sicilia all'incrocio tra le parti orientale e occidentale dell'Impero bizantino. Certo, era semplicemente conveniente per l'imperatore iniziare a soggiogare le terre longobarde in Italia. Ciò che è importante per noi, tuttavia, è l'evidenza che il greco era parlato in Sicilia a quel tempo e successivamente.


Le qualità dell'anima e la forza dello spirito dei siciliani sono visibili dalla storia in cui il malvagio Eufemio fatto uno sforzo su una suora, fu punito ed esiliato in Nord Africa, colluso con gli arabi per conquistare la Sicilia per vendetta. E il popolo siciliano oppose una forte resistenza alla conquista musulmana, la guerra durò cento anni. Siracusa oppose una forte resistenza. Taormina resistette più a lungo agli arabi: l'assedio degli arabi contro questa città durò 62 anni. I musulmani hanno soggiornato in Sicilia per circa cento anni. Allo stesso tempo, le rivolte contro gli arabi continuarono. Il popolo siciliano ha ricevuto il diritto di preservare la propria religione e cultura. Cioè, in Sicilia, hanno continuato a celebrare le Divine Liturgie in greco e parlano greco.


Nell'XI secolo, i discendenti cristiani dei Vichinghi, i Normanni francofoni, liberarono la Sicilia dai musulmani. Di conseguenza, dopo tali difficili prove, la Sicilia divenne uno stato prospero e politicamente potente. Era uno degli stati più ricchi d'Europa, più ricco dell'Inghilterra.


I re normanni di Sicilia costruirono molti castelli in pietra in stile medievale in tutta l'isola. Alla corte dei re normanni, gli incarichi statali e amministrativi vitali erano occupati dai siciliani locali. Pertanto, il greco rimaneva la lingua degli affari governativi quotidiani e il francese normanno era parlato a corte. Questo stato di cose ha attratto in Sicilia molti migranti dal Nord Italia e dalla Campania. Hanno portato il latino con loro. Erano così tanti che le servizi religiose iniziarono a essere eseguite in latino. Ma è ovvio che le persone che cercavano vantaggi sull'isola e una vita migliore per se stessi usavano il latino più spesso per affari economici. L'anima dei siciliani non è stata toccata dal freddo linguaggio del guadagno monetario.


L'importante re normanno cristiano di Sicilia, Ruggero II, e il suo discendente svevo Federico erano appassionati di scienza, educazione e letteratura. Sotto Federico, le prime opere letterarie furono scritte in latino volgare e una delle università più antiche d'Europa fu aperta a Napoli. Federico realizzò la riforma legale, separando formalmente chiesa e stato e applicando la stessa giustizia a tutte le classi della società. Federico era il mecenate della Scuola di Poesia Siciliana. E così, la lingua della Sicilia, il greco per duemila anni e il latino per un paio di secoli, ha dato proprio il primo standard della lingua letteraria italiana, quando il latino volgare si è arricchito di una potente base di greco, dando lo sviluppo della poesia e letteratura, le cui tradizioni in Sicilia non si sono fermate sin dai tempi antichi di Archimede.


Naturalmente, una storia così complessa ha portato al fatto che esisteva un antagonismo tra i re di Sicilia e il papato cattolico, che ha causato conflitti. Nel XIII secolo, Carlo I, duca d'Angiò, con l'appoggio della chiesa, guidò un esercito contro la Sicilia. Angiò divenne re di Sicilia con la forza. Ma dopo 20 anni, fu cacciato dalla Sicilia, dando così inizio ai "Vespri Siciliani" - una lotta che portò prima alla formazione di due regni di Sicilia - terraferma e isola, e poi fu un unico regno di due Sicilie. L'intero processo, in generale, ha richiesto circa 7 secoli.


In questo periodo i Siciliani iniziarono a sentirsi come un popolo unico, non c'erano differenze tra i discendenti dei Greci, Arabi e Latini. Il parlamento siciliano ha funzionato efficacemente. A metà del XV secolo fu fondata l'Università di Catania. Il catalano era la lingua della corte reale. Da quando i reali si stavano per sposare, ora c'era una corte spagnola in Sicilia. Il siciliano era la lingua del parlamento e dei cittadini comuni.


È chiaro che in tutti questi 7 secoli dal conflitto tra il Papa e la Sicilia, la vita non si è fermata. In questo momento, l'era del Rinascimento arrivò in Italia continentale, ei grandi fiorentini Dante, Boccaccio e Petrarca crearono una nuova versione del latino letterario volgare, che costituì la base della lingua italiana letteraria. Ora che impari l'italiano, vieni mandato principalmente a Firenze. Tuttavia, dovrebbe essere chiaro che la lingua di Bisanzio è ciò che ha alimentato le basi della lingua letteraria italiana. Dobbiamo ricordare l'antico centro educativo di Napoli, dove si trasferirono i portatori della cultura bizantina durante l'invasione musulmana, e da dove la lingua e la cultura greca tramandarono la loro eredità in tutta la penisola e in Europa.


E dobbiamo ricordare il più antico centro spirituale di Ravenna (il Patriarcato romano, tredici papi di Roma prima della scissione della chiesa erano bizantini e molti di loro provenivano dalla Sicilia), di questo parleremo più avanti.

Comentarios


bottom of page