top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreТимофей Милорадович

Funzioni di intelligenza

Elena Buran


L'intelletto è uno strumento vivente per la percezione, l'elaborazione, l'assimilazione e la trasmissione delle informazioni. Non c'è niente sulla terra di più meraviglioso dell'intelletto umano. E più dettagliata è la vita di una persona appresa dalle sue azioni, più sorprendente appare il lavoro di un intelletto vivente. Eppure è lo strumento più trascurato di una persona oggi. Apprezza le mani, le gambe, la capacità della testa di masticare e pronunciare parole. Ma usare l'intelletto? Non abbastanza completo e chiaro.


Prendi, ad esempio, le persone intuitive, il cui numero sta aumentando ora. Alcuni anni fa, i test per le funzioni della coscienza non hanno rivelato tante persone intuitive come adesso. Fondamentalmente si tratta di bambini che crescono con una visione di un futuro lontano sotto forma di un punto luminoso e caldo, ecco come vede l'intuizione, perché questa è una sensazione interiore. E arrivare a questo punto luminoso è spesso possibile solo attraverso un tunnel oscuro e terribile, che si trasforma in un abisso nel mezzo. E vedono anche un'immagine olistica della vita, spesso con un secondo fondo, come la pupilla dell'occhio, non ricordano affatto bene piccole date, nomi e numeri anche sugli scaffali, come vorrebbero genitori e insegnanti razionali, perché la maggior parte di loro sono razionali. E a questi genitori sembra di avere “ragione” in tutto, non capendo che l'intuizione vede “al centro”, e non “da destra” e non attraverso la logica lineare. Poiché ci sono sempre più bambini intuitivi, è inevitabile una crisi di cambiamento del paradigma intellettuale con l'avvento di una nuova generazione.


Puoi dirmi che l'intuizione, secondo gli scienziati, è un prodotto dell'attività della regione anteriore destra del cervello, quindi i bambini intuitivi dovrebbero vedere le cose "giustamente". Non così lontano. Perché la meravigliosa creazione di Dio in uno stato sano tende all'equilibrio, forse perché nello spazio tra la testa e il cuore, i percorsi si incrociano e ciò che è nel cervello a destra dà segnali alla parte sinistra del corpo e nervoso sistema. E l'intuizione ha una "connessione diretta" con il cuore, e questo è percepibile. Al contrario, ciò che gli adulti considerano "giusto razionalismo" è in realtà un prodotto dell'emisfero sinistro del cervello. Ok, il processo del pensiero copre l'intero cervello, ma c'è sempre qualcosa che domina e qualcosa che subdomina. Di qui la diversa luminosità della manifestazione delle funzioni. I bambini intuitivi hanno spesso istinti "sinistra" non meno forti del pensiero "giusto" degli adulti. E così, il pensiero completamente integrato funziona meglio del semplice pensiero razionale.


Infatti l'intelletto non può consistere solo delle funzioni della coscienza, sarebbe troppo semplice. Naturalmente, la formula dell'intelligenza deve includere sia il comportamento che il livello di energia con cui il cervello e il sistema nervoso elaborano i segnali. L'energia è una sorta di carica della batteria. D'accordo, se l'intuizione è combinata con l'attività di ricerca del comportamento, ed è anche moltiplicata per un livello di energia superiore alla media, allora possiamo aspettarci che un giovane cercherà intuitivamente molto attivamente qualcosa nella sua vita e nel suo lavoro. E questo qualcosa può essere sia un valore che un modo per distruggere i valori. Ad esempio, con zero capacità di fare affidamento sulle regole, una persona cercherà modi per aggirare qualsiasi regola e legge, cercherà avventura ed emozioni. Ecco come appare nella realtà. Tutti questi giovani che cercano qualcosa nei giochi e nei film d'avventura, e persino nei film dell'orrore, cercano intuitivamente qualcosa e aspetti i frutti di questa ricerca, che ti piacciano o no.


Nulla può essere corretto dalla pressione razionale, la razionalità è cieca rispetto all'intuizione, perché la razionalità non vede i sentimenti, questa è una funzione diversa. Solo le frasi contengono l'integrazione delle funzioni della coscienza e degli atteggiamenti di comportamento, carichi di energia più o meno forte, in quanto la frase esprime il ciclo minimo di elaborazione delle informazioni dalla percezione all'espressione.


Quali frasi possono esprimere un'attività di ricerca intuitiva? E quali frasi possono esprimere la ricerca di valori o antivalori? Per rispondere, non possiamo considerare l'intelletto isolato dal suo ambiente di sviluppo, dal quale l'intelletto prende informazioni e al quale dà. E questo significa che scopriremo attraverso le frasi la relazione dell'intelletto con il suo ambiente, e sarà o un intelletto sano ed equilibrato in cooperazione creativa con il suo ambiente, o uno malato, prevenuto, che confonde la ricerca con la paranoia e la saggezza con l'astuzia della manipolazione.


Ripristiniamo l'immagine dell'intelligenza da una serie di frasi. Prendiamo, ad esempio, la sequenza di frasi: 1) "La ricerca attiva viene dalla povertà di opportunità", 2) "Una domanda audace vince la debolezza", 3) "Colui che chiede il forte diventa più forte", 4) "Intervenire nel gioco e vinci secondo le tue regole", 5) "Chi fa il vero trova facilmente parole persuasive", 6) "Il saggio esce dall'ombra per vincere", 7) "La coerenza delle idee costruisce gli stati". Questo algoritmo ha una possibilità di sopravvivere, vero? Ora cosa diresti di un'altra serie di frasi: 1) "Le condizioni umili liberano il tempo", 2) "La situazione determina il corso del processo", 3) "Chiedere è una cosa naturale", 4) "La modestia si adatta solo ai talenti persone”, 5) “L'astuzia prende le città”, 6) “Giocare senza vincere diventa rimpiangere gli errori”, 7) “La squadra gioca con l'ispirazione solo per il risultato”. Penso che chiunque, leggendo queste frasi, possa vedere internamente due certe immagini umane corrispondenti con i loro tipi d'intelletto. Saranno diversi. E penso che ad alcune persone non piacerebbe affrontare il secondo tipo. Altre persone eviteranno il primo tipo con tutte le loro forze. Come mai? Tale uno interferirà con loro. E la lotta tra due tipi porterà al secondo tipo di crisi: un tentativo di annullare il cambio di paradigma intellettuale.


L'intelligenza vivente è una creazione straordinaria. Può distinguere il pericolo ai segnali minimi leggendo, ad esempio, queste frasi. E così la lotta sulle frasi oggi non sembra più una battaglia con i "mulini a vento", come ai tempi di Don Chisciotte. E qualcuno penserà ai benefici che riceverà grazie all'uso del proprio insieme di frasi. La scelta delle frasi programma davvero lo sviluppo e l'attività dell'intelletto. E se tuo figlio è intuitivo, dovrai usare la tua intuizione per capirlo meglio. Allora, forse, eviterai una crisi generazionale. E tuo figlio eviterà una crisi del secondo tipo: un rollback. Scegli intuitivamente il meglio, e lascia che ciò sia testimoniato anche dal pensiero razionale, poiché "l'estrema sincerità è il miglior pragmatismo" e "l'apertura è la misura della forza".

Comments


bottom of page