top of page
Поиск
  • Фото автораТимофей Милорадович

Cioccolato siciliano, più che cioccolato



Una volta ho visto il commento di un siciliano a una magnifica foto con il paesaggio della Sicilia: "Perché i siciliani non sanno come comportarsi e non sanno fare niente, vivendo male in mezzo alla natura paradisiaca". Ma tutta la storia della Sicilia dice che tutto è veramente buono. La ricchezza di altre regioni del mondo acquisita nel XX secolo è associata all'industrializzazione, in cui la Sicilia non era molto attratta. Questa industrializzazione ha reso infelici e persino uccise milioni di persone, sostituendo il lavoro onesto con uno stato di schiavitù nelle fabbriche e rendendo le persone appendici di macchine trasportatrici. Ora tutti capiscono quanti problemi ha portato il ventesimo secolo e che i benefici della civiltà non sono valsi in gran parte questi sacrifici. Cosa stava succedendo in Sicilia? Le persone hanno continuato a lavorare onestamente, creando valori con le proprie mani, con il sudore, come le persone avevano bisogno e Dio piaceva, e ora le opere dei maestri di Sicilia iniziano a essere notate e molto apprezzate nel mondo. E questo è naturale, perché le opere create da mani sapienti, un'anima onesta e uno spirito libero dovrebbero davvero essere molto apprezzate. Lo si vede bene nella produzione del cioccolato modicano. Ne parliamo oggi con Nicolò Reina, dipendente dell'Ufficio Turistico di Custonaci, conoscitore della vita siciliana.


- Ciao, Nicolò.


- Ciao Elena.


- Nicolò, ricordo che quando ho assaggiato il cioccolato di Modica, ha fatto un'impressione vivida che non potevo dimenticare. Ho visto che era unico, e non assomigliava affatto al cioccolato che si può acquistare nei negozi di altre marche. Il cioccolato di Modica dona un tocco di antico, forte, profondo, curativo, sapiente e semplice allo stesso tempo. Mi sembra che sia come tutta la Sicilia.


- Sì, Elena. Il cioccolato di Modica è unico in quanto conserva quasi completamente le più pregiate proprietà del cacao, per cui gli aztechi consideravano il cioccolato una bevanda divina. Perché a Modica gli artigiani usano una grossa pietra ricurva, ci mettono sopra del cacao e lo macinato con le proprie mani usando mattarelli di pietra di diverse dimensioni, a seconda della fase di preparazione. La pietra su cui viene macinato il cacao si chiama metate, e questa pietra è quasi uguale a quella degli aztechi. Ma le azioni degli aztechi erano rituali, erano pagani. I siciliani capiscono che tutto è dato da Dio per il bene e il rafforzamento del popolo, lavorando onestamente. Per questo i siciliani aggiungevano zucchero al cacao amaro, ed è noto che in Sicilia cresce la canna da zucchero. Inoltre sotto le metate viene posta letteralmente lava dell'Etna, e quindi il cacao sulla pietra si scalda, ma non oltre i 40 gradi Celsius, questo lascia vivo il cacao, rendendolo malleabile. Questa tecnologia di lavorazione "a freddo" conserva tutte le proprietà più pregiate del cacao, lasciando l'olio nelle fave di cacao. Il cioccolato diventa granuloso con una consistenza simile al marmo. Inoltre, al cioccolato di Modica si aggiungono le spezie della Sicilia, oggi esistono decine di varietà di cioccolato. Il cioccolato di Modica contiene dal 50 al 99% di cacao, ma non è una questione di quantità, ma di come viene gestito il cacao e di come viene prodotto il cioccolato.


- È proprio di questo che stiamo parlando, vedo che c'è una chiara caratteristica della Sicilia - è ortodossa nel senso più profondo e più ampio. In Sicilia restano i preziosi che Dio ha dato alle persone. I siciliani lavorano con le loro mani, applicando il loro talento e intuito, conservando tutte le qualità preziose e utili dei prodotti a beneficio delle persone.


- Sono d'accordo con te che la Sicilia conserva con cura tutti i valori che le sono stati dati, quindi la nostra abilità è conservata nelle famiglie e i nostri santi sono sempre con noi.


- È vero, i modicani pregano come loro patrono Giorgio il Vittorioso, santo ortodosso. Secondo la Tradizione, San Giorgio visse in Sicilia, nella regione dell'Etna prima delle sue imprese.


- I siciliani non si limitano a preservare i loro valori e i loro santi, si sviluppano, costruendo la loro vita e lavoro su questi valori ogni giorno. Ed è proprio questo che sta dando i suoi frutti. Torniamo al cioccolato di Modica, nel 2020 la domanda è aumentata di quasi un quarto, e la produzione è stata di 209mila chilogrammi di cioccolato, ovvero 2,4 milioni di tavolette. È fantastico, ma non si tratta solo di vendite. I siciliani mostrano creatività e talento quando usano il cioccolato. In precedenza, gli artigiani scolpivano bellissime statue e bassorilievi dal marmo, ora lo fanno dal cioccolato, ed è incredibile. Il cioccolato di Modica ha partecipato al festival Eurochocolate, poi l'evento è diventato noto come ChocoModica, che si svolge in collaborazione con Eurochocolate. In una delle mostre, una mappa d'Italia delle dimensioni di una stanza era fatto di cioccolato, così come copie di cioccolato di bassorilievi in marmo provenienti da musei d'Italia. Ha attirato molti turisti ed è stato fantastico.


- Si, capisco. Le persone vogliono cibi naturali, sani e salutari ora come mai prima d'ora. E il cacao è noto come un prodotto che migliora il funzionamento del cuore e dei vasi sanguigni, il cacao aiuta a controllare la pressione sanguigna. Inoltre il cioccolato di Modica non contiene grassi vegetali, latte, lecitina di soia. Inoltre, è riconosciuto che il cioccolato modicano naturale, insieme al vino rosso come il Marsala o il Nero d'Avola, ad esempio, ha un ottimo effetto benefico sulla salute, contribuendo alla biodiversità dell'ambiente interno dell'organismo.


- Parliamo della tendenza che è visibile. Ha origine nelle radici spirituali, abbraccia la vita della società e degli individui con la loro creatività e si incarna naturalmente nel successo economico, nel quadro di un ciclo di vita culturale.


- Sì, vediamo che il 60% della popolazione siciliana nel corso del '900 è rimasta a lavorare nei propri piccoli laboratori, nutrendosi delle proprie radici e del proprio talento personale, ha continuato a creare con le proprie mani ciò che è necessario per un semplice, vero, vita sana. Anche se apparivano le fabbriche, dieci operai erano già considerati una fabbrica. Di conseguenza, sono stati preservati i valori e lo stile di vita tradizionale. E ora che i danni causati dall'industrializzazione del Novecento sono piuttosto evidenti, la nostra gente ha già raggiunto un alto livello di artigianalità e può offrire prodotti naturali e salutari, aiutando così la crescita economica della Sicilia. E gli ospiti della Sicilia ormai capiscono bene cosa possono trovare utili in Sicilia, portando i loro soldi come investimento a sostegno di persone di talento. Questo è onesto e giusto davanti a Dio e alle persone. Il cioccolato di Modica è solo un esempio, ma è simbolico. Nel XVI secolo gli spagnoli portarono il cacao dall'America e la Sicilia fu una potente autonomia durante gli anni della dominazione spagnola. Segue, cioccolato di Modica sui Grimaldi Papers - 1746/1915. La Sicilia rimane l'unico luogo dove l'antica ricetta del cioccolato continua a essere mantenuta pressoché invariata. Nel 2003 è stato creato un Consorzio di 20 produttori di cioccolato modicano per tutelare la genuinità del prodotto. Nel 2018 il cioccolato di Modica ha ricevuto il riconoscimento d'Indicazione Geografica Protetta dall'Unione Europea. Ciò significa che il cioccolato di Modica non può essere contraffatto, in quanto il clima locale, le condizioni di produzione e coltivazione degli ingredienti influiscono sulle proprietà del prodotto.


- Va bene, prendiamo questa lezione dalla storia dello sviluppo dei produttori siciliani. È bello essere se stessi, è giusto e onesto. È importante rimanere te stesso abbastanza a lungo e lavorare sodo sul tuo sviluppo. Non c'è bisogno d'inseguire astrazioni e illusioni. Devi fare bene il tuo lavoro dove c'è il tuo talento, Dio sarà con te e le persone, alla fine, apprezzeranno i tuoi sforzi.


- Per l'onesta prosperità della Sicilia.


- Per l'onesta prosperità della Sicilia.

Comentarios


bottom of page