top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreТимофей Милорадович

Perché Le quattro stagioni di Vivaldi

Aggiornamento: 29 mag 2022



Lieve, luminosa e gioiosa. È uno dei pezzi più noti della musica della prima parte del 700. Si ritrova in innumerevoli film e spot televisivi, ma che cos'è e perché ha queste caratteristiche?


Questo è l'inizio della "Primavera" da "Le Quattro Stagioni", del compositore italiano Antonio Vivaldi. "Le Quattro Stagioni" sono famose anche perché sono una delizia per le orecchie. Ma ancora più interessante è il fatto che hanno delle storie da narrare. Quando vennero pubblicate ad Amsterdam nel 1725, erano accompagnate da poemi che descrivevano esattamente quale aspetto della stagione Vivaldi intendesse rendere in termini musicali. Inserendo temi specifici per la musica strumentale, Vivaldi era avanti di generazioni rispetto al suo tempo.


Se si leggessero i poemi mentre si ascolta la musica, si troverebbero le scene poetiche ben sincronizzate con l'immaginario musicale. Si dice che gli uccelli accolgono la primavera con un canto lieto ed è esattamente ciò che fanno qui. Tuttavia, presto scoppia una tempesta. Non vi sono solo tuoni e fulmini resi musicalmente, ma vi sono anche altri uccelli, bagnati, spaventati, e infelici.

Nell' "Estate", la tortorella canta proprio il suo nome italiano, prima che una grandinata si abbatta sui campi. "Autunno" fa uscire i cacciatori impazienti a caccia della loro preda.


L' "Inverno" inizia con i denti che battono per il freddo prima che si trovi rifugio presso un fuoco scoppiettante. Poi si torna fuori nella tempesta, dove vi saranno scivoloni e cadute sul ghiaccio. In queste prime settimane invernali, l'anno vecchio sta per finire e lo stesso fa l'esplorazione musicale delle stagioni di Vivaldi.


Non prima dell'inizio del 19° secolo questa musica strumentale così espressiva sarebbe diventata famosa. Fino ad allora, ensemble più ampi e vari erano la regola, con fiati, ottoni e percussioni per aiutare a narrare la storia. Ma Vivaldi vi riuscì con solo un violino, archi e un clavicembalo. Al contrario del suo contemporaneo Bach, Vivaldi non era molto interessato in fughe complesse. Preferiva offrire un intrattenimento facilmente fruibile ai suoi ascoltatori, con melodie che ritornano nel brano per ricordarci dove siamo stati. Così, il primo movimento della "Primavera" inizia con un tema per la primavera e finisce riprendendolo, leggermente variato, da dove l'aveva lasciato.


Era un modo ispirato di attrarre gli ascoltatori, e Vivaldi, considerato uno dei più incredibili violinisti degli inizi del 18° secolo, comprese il valore di attrarre il pubblico. Questi concerti potevano avere lui stesso come primo violino. Altri presentavano i giovani musicisti della Pietà, una scuola veneziana femminile dove Vivaldi era Direttore di Musica. Molti degli studenti erano orfani. L'istruzione musicale era intesa non solo come abilità sociale adatta alle ragazze ma anche come carriera potenziale per quelle che non riuscivano a fare un buon matrimonio.


Anche al tempo del compositore, la musica di Vivaldi serviva come divertimento per tutti, non solo per i ricchi aristocratici. 300 anni dopo, è un approccio che ancora funziona e la musica di Vivaldi richiama ancora dei cavalli al trotto.


TED

Comments


bottom of page