top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreТимофей Милорадович

Luce calda festa in pieno inverno

Aggiornamento: 5 ott 2022

Intervista al dipendente ufficio turistico Custonaci della Sicilia


L'idea per questa serie di interviste è nata in una delle principali festività siciliane, il giorno di Santa Lucia, martire di Siracusa, che ha sofferto a causa dell'imperatore pagano Diocleziano all'inizio del IV secolo, prima della scissione della chiesa, cioè questa è una festa santa per tutti i cristiani del mondo, che proveniva da Siracusa. E questa festa ha dato il suo contributo alla tradizione di celebrare il Natale, così come la festa di San Nicola il 6 dicembre/19 secondo il calendario orientale ortodosso. I siciliani, come nessun altro, ricordano la loro storia e la loro gente per tutto il tempo.


Santa Lucia aveva solo ventuno anni, era una ragazza innocente, e tutta la sua colpa era che conosceva l'amore di Dio e si diceva cristiana. A quel tempo ci furono dure persecuzioni contro i cristiani, furono torturati e uccisi, questo è ampiamente descritto nella Tradizione.


Santa Lucia collega così persone in tutto il mondo e attraverso le generazioni. Siracusa è una città siciliana e la santa è venerata da tutto il popolo siciliano. Viene pregata intensamente non solo in Sicilia, ma anche in Svezia e Norvegia, ad esempio, dove viene organizzata una processione speciale in onore della santa. Permettetemi di ricordarvi che questo è il tredici dicembre e il Natale si avvicina.


Si sa che la santa prega per gli abitanti della Sicilia, salvò i siciliani dalla fame nel XVII secolo, quando il grano fu contagiato da una malattia. I siciliani pregarono la santa e una nave con grano pulito salpò per gli affamati. E le persone hanno semplicemente bollito questo grano intero e ci hanno versato sopra dell'olio, erano troppo emaciate per macinare il grano e cuocere il pane. Questa è l'origine della tradizione di servire il "cutia" in russo e "cucсia" in italiano davanti Natale, un grande simbolo del germe di vita nel grano. È così che sono strettamente e inaspettatamente collegati i significati dei costumi russi e siciliani.


Santa Lucia visse e soffrì a Siracusa. E il suo nome significa "Luce", da cui il nome Svetlana, Fotinia. Secondo la leggenda, nella tortura, è stata privata della vista, quindi gente la pregano per la guarigione dei occhi, ma ciò che è molto più importante - porta la luce, la gioia della vista interiore, l'illuminazione di Dio, la forza della mente, illuminata dalla fede e dalla grazia di Dio.


E oggi iniziamo una serie di interviste a Nicolo' Reina, il dipendente ufficio turistico Custonaci in Sicilia, esperto di tutte le usanze locali.


Perché stiamo facendo un'impresa importante adesso e perché sono importanti queste interviste a Nicolo'? Poiché le persone sono stanche dei problemi di vivere in città, cercano un ricongiungimento con la natura. E molti occhi sono rivolti alla Sicilia, perché è il posto più luminoso e più bello, se cerchi la vita a stretto contatto con la natura, con bioritmi naturali, qualcosa di vicino a come vivevano gli antichi santi. Questa è la semplicità della comunicazione amichevole tra la natura fertile in un clima caldo, dove gli antichi santi vivevano nei monasteri e, possibilmente, nelle grotte, ne parleremo separatamente.


Prevedo che la Sicilia diventerà presto un luogo di pellegrinaggio per tante, tante persone. Puoi chiamarlo agriturismo, turismo ecologico, turismo psicologico, come preferisci. Ma è importante che questa terra di antichi santi, pulita in senso spirituale ed ecologico, sia in attesa di riconoscimento come tale, come nessun altro al mondo. La Sicilia, l'isola dei santi a forma di cuore, chiama la sua gente.


Ed è meglio chiedere della Sicilia ai residenti, esperti di tutte le caratteristiche di questa terra e della sua vita, come Nicolò Reina, che mantiene l’ufficio turistico per raccontare questa terra. E devo dire che l'ufficio turistico di Custonaci è uno dei migliori d'Italia. Nicolo' è molto disponibile, ospitale e ben informato.


E voi, nostri cari lettori e ascoltatori, turisti e pellegrini, ora sapete che non avete più bisogno di chiedere a persone a caso che sono state in Sicilia solo da poco, dovreste chiedere tutto negli appositi uffici. Quindi chiediamo a Nicolo'.


- Nicolo', so che nel giorno di Santa Lucia c'è l'usanza di cucinare gli arancini - questo è un grande piatto della tradizione siciliana famoso, alcuni turisti vengono appositamente per mangiarlo. È fatto con riso e ripieno e ha un colore arancione brillante. Ovviamente, questo è un omaggio alla memoria di Santa Lucia. Ma potresti parlarci un po 'dell'usanza locale di preparare questo piatto?


- Grazie, Elena, per l'opportunità di parlare delle nostre usanze. Le arancine sembrano arance, ma sono arance di riso con carne macinata. Penso che questo sia uno dei simboli popolari più sorprendenti della Sicilia e della sua prosperità. Questo piatto ha sempre stupito i turisti per quanto posso vedere. Prendono qualcosa che assomiglia a un'arancia e la Sicilia si riempie di arance, e quando prendono un boccone di arancina, scoprono con loro stupore che c'è così tanto ripieno succoso lì che è unicamente gustoso ... E noi siciliani ci rallegriamo sempre con tutto il cuore quando vediamo questa l'espressione sui volti dei nostri ospiti. L'ospitalità e l'augurare la gioia degli altri sono la nostra caratteristica nazionale.


- In che modo i diversi maestri locali preparano questo piatto, ci sono difference?


- Nella Sicilia occidentale, questo piatto si chiama arancina, nella Sicilia orientale - arancino. Il colore brillante del riso è dato dall'aggiunta di zafferano, come a Palermo e Catania, o succo di pomodoro, come a Messina. Il ripieno di arancine è composto da varie combinazioni di carne, prosciutto, mozzarella, spinaci, salsa di pomodoro. Le arancine sono rotonde ea forma di cono e fritte nell'olio. Ma penso che il gusto speciale delle arancine abbia a che fare con l'atteggiamento delle persone quando li fanno. In Sicilia facciamo molto con le mani, con il canto e di buon umore allegro, e serviamo anche il piatto alle persone - con un sorriso e un saluto.


- L'atteggiamento è molto prezioso. Come viene vista l'usanza di mantenere i valori nelle generazioni attraverso gli occhi dei residenti locali? Per favore, dicci come sta andando l'intera festivita'.


- Le nostre nonne, preparandosi per la festa e preparando arancine e cuccia di cereali integrali da mangiare, dicevano: "Susiti Susiti viniti". Non mangio mai il pane in questo giorno in segno di riverenza per la santa, lo mangio solo da cereali integrali. Certo, questa è una festa in famiglia, e questa è una festa di casa, in senso lato, una festivita' della comunità e della nostra terra. La Sicilia ospita spesso feste dedicate agli antichi santi patroni delle nostre città. Questi santi vivevano anche quando la chiesa era una. La Sicilia fu fortemente influenzata dalla cultura religiosa ortodossa bizantina, la parte orientale dell'Impero Romano, dove la sincerità e la saggia gentilezza erano apprezzate piuttosto che l'educazione esteriore. E questa semplicità di comunicazione, la sincerità è stata preservata in Sicilia, credo, come in nessun'altra parte del mondo. Le festivita' in Sicilia sono sempre colorate, con l'uso di costumi e scene di vite di santi, cantiamo e suoniamo strumenti musicali, i nostri santi protettori sono sempre con noi, anche se posti su un piedistallo per il loro valore. Trasmettiamo storie ai bambini sotto forma di rappresentazioni teatrali di marionette, opera dei pupi, questa è la nostra tradizione, che interessa anche gli adulti. Probabilmente ha avuto origine quando si poteva dire un po 'di più con l'aiuto delle pupi che con le parole normali. Nella festa di Santa Lucia, facciamo una processione. C'è un villaggio a Custonaci chiamato Santa Lucia. Inizia in questo villaggio la processione festosa dedicata a Santa Lucia, camminiamo tutti insieme. E inoltre ogni anno c'è una processione dal Santuario principale di Custonaci, c'è una cappella dedicata a Santa Lucia, e preghiamo insieme. Inoltre, cantiamo e passiamo alla musica insieme durante le festa. E la sera distribuiamo arancine e cuccia alle persone in giro. C'è uno spirito di unità e di amichevole accettazione, come nel caso dei primi cristiani, il calore della fratellanza e non c'è freddo invernale. Condividiamo apertamente ciò che abbiamo. Spesso durante le festivita', i maestri preparano i loro piatti apertamente, di fronte al pubblico, e persino, in qualche modo, conducono corsi di perfezionamento, puoi fare qualsiasi domanda. Questo è il vero gioiello che attrae le persone in Sicilia: non solo cibo delizioso condiviso con gli altri, ma lo spirito di accoglienza amichevole e partecipazione universal.


- Basti pensare, i siciliani si tramandano da secoli tradizioni e ricette, condividendosi e mantenendo uno spirito di partecipazione. In effetti, questo rivela il carattere dei siciliani, la loro sincerità, fermezza e dedizione ai loro valori. E come si presenta la festivita' agli occhi dei turisti? Quanti turisti ci sono in questo momento, che tipo di persone sono? Cosa stanno facendo, e in quali condizioni si trovano, forse le condizioni sono favorevoli per i turisti proprio in questo moment?


- La Sicilia è bella in qualsiasi periodo dell'anno, secondo me. Le festivita' si svolgono tutto l'anno, il clima è caldo. Se vieni qui in inverno, allora per tutto dicembre, gennaio e febbraio non ti annoierai. I turisti si sentono sempre a casa in Sicilia, entrano nella nostra atmosfera di calore e compassione. Le date delle festivita' cambiano frequentemente ed è quindi importante essere in contatto con noi per chiarire le date. Oltre alle festività natalizie di dicembre, si può notare che in Sicilia si svolgono durante tutto l'anno numerose fiere e feste gastronomiche con degustazioni. È davvero un paradiso per gli amanti dell'agriturismo e dell'ecoturismo. E anche per coloro che vogliono riposare l'anima, il turismo psicologico di questo tipo sta guadagnando slancio. E questo, ovviamente, è sempre ottimo shopping, con la possibilità di ispezionare, sentire con le mani, provare, parlare del prodotto. Spesso, i nostri prodotti artigianali sono abbigliamento, decorazioni e gioielli, accessori, scarpe, piccoli oggetti per interni, cioccolato, formaggio, le nostre spezie raffinate, vino, olive e olio, solo per citarne alcuni. La Festa del Cioccolato di Modica si svolge all'inizio di dicembre, è un cioccolato unico, indimenticabile diverso da ogni altra cosa, perché il modo in cui è fatto è molto diverso da tutti gli altri. A febbraio si tiene un carnevale, interessante sia per i bambini che per gli adulti. Penso che questa festa sia un simbolo dell'attesa di una nuova primavera e del ritorno dei colori della vita. Inoltre, febbraio in Sicilia è un ottimo periodo per gustare melograni, meloni, mandorle e mandarancho. Ad esempio, Agrigento ospita una sagra della mandorla. Come sempre, queste sono processioni luminose, unità, mostre di opere d'arte, comunicazione sincera. Poiché la festa delle mandorle è un'anticipazione della primavera, in questo tempo si tiene il concorso Miss Spring, le nostre belle ragazze ci ispirano a nuove idee creative. Ai carnevali siciliani si lanciano non tanto caramelle quanto bevande e dolci, anche salsicce. E al carnevale di febbraio viene bruciata un'effigie di cartapesta, probabilmente simbolo del freddo invernale sta lasciando. Ed è sempre musica dal vivo e fuochi d'artificio la sera.


- Le festivita' in Sicilia sono festivita' di generosità, vedo. E molte delle tradizioni folkloristiche russe sembrano provenire dalla stessa fonte delle festivita' in Sicilia, è molto interessante. E anche io mi chiedevo se la tradizione di accendere le candele provenisse dalla tradizione di celebrare Santa Lucia, il cui nome è Luce. Grazie mille, Nicolò, speriamo in altre tue storie sulla vita in Sicilia.


- Grazie per le tue domande, sarò felice di dirti di più.

Comments


bottom of page