top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreТимофей Милорадович

Il modo siciliano di pensare al gelato

Aggiornamento: 13 giu 2022




Immaginate di vivere su una bella isola. Vedi molte bacche e frutti maturi intorno a te, pieni di succo nel sole splendente, hai un gustoso latte di numerose pecore e mucche, sapendo che il latte si guasta rapidamente... Beh, una parte del latte si trasforma in formaggio. Ma si vuole mantenere anche fresco il latte, almeno fino alla sera, quando tutta la famiglia si riunisce intorno al tavolo. Vedete numerose galline che depongono uova, un prodotto meravigliosamente prezioso, ma che può anche perdere rapidamente le proprietà desiderate nella stagione calda. Avete tre o quattro tipi di zucchero, come il miele e lo zucchero di canna, che cresce in Sicilia ma non cresce in Europa. E si scopre che lo zucchero può conservare gli alimenti. Il sale marino conserva anche il cibo.


Ma cosa offrire alla famiglia nella stagione calda quando si ha bisogno di qualcosa di rinfrescante? E l'Etna-mama, infuocata e nevosa allo stesso tempo, dà una grande idea per utilizzare la neve e il ghiaccio che si trova più in alto e nelle zone incassate, conservate anche in estate. Puoi portare il ghiaccio a casa dalla montagna, mescolare lo con latte e frutta. Il treno naturale del pensiero del siciliano lo porta alla creazione del gelato. Dio e la natura hanno dato tutte le condizioni, il siciliano ha dato una mente attenta e inventiva - così il gelato è stato dato al mondo. Per me è chiaro come il giorno, e grazie a Dio.


Per quanto mi sforzi, non riesco a risolvere qualche problema psicologico quando qualcuno cerca di attribuire l'invenzione del gelato siciliano agli invasori arabi che sono durati solo 100 anni sull'isola. L'invasore ha sempre una psicologia di soggiorno temporanea che non è organica alla cultura dei locali, benedetti da Dio a vivere in questa terra. La Sicilia, per allora quasi 1000 anni era ortodossa e bizantina, e 12000 anni era una cultura naturale di attenti conoscitori della natura e della vita. Ok, gli invasori sono andati e venuti, la Sicilia rimane sempre il cuore aperto della terra. Basta confrontare i numeri e non distorciamo la verità. Preferisco credere che gli arabi si siano stupiti delle lussuose possibilità di raggiungere le volte di neve sull'Etna, che sono sempre state lì.


Quindi non cercheremo di confondere i modi naturali dell'anno di nutrire la gente di Sicilia e il desiderio degli invasori di dissetarsi per un breve periodo - punti di vista e atteggiamenti molto diversi sulle cose. Sappiamo che quando la gente è a casa, ringrazia Dio per aver dato tutto per vivere e prosperare in una terra paradisiaca, pensa al futuro e lo ottiene.


Così oggi ci occupiamo del gelato, un prodotto naturale per i siciliani. Chiediamo a Nicolò Reina, esperto di vita siciliana e dipendente dell'ufficio turistico di Custonaci, cosa significa il gelato per lui e per la Sicilia.


- Ciao, Elena.


- Ciao, Nicolò.


- Elena, hai messo le cose a posto, devo dire. La sincerità infantile e la creatività dei siciliani è ben nota, così come lo sforzo di fare il meglio del possibile. L'ingenuità è davvero fuori luogo nel mondo di oggi. Per un siciliano, il gelato è un alimento naturale, confortante e nutriente che contiene tutti i doni sani della bella natura siciliana: latte, uova, panna, cagliata, frutta e bacche, mandorle, pistacchi, sale marino, miele, zucchero e neve. Il gelato è ottimo per la colazione con un pasticcino, soprattutto. I siciliani mangiano il gelato tutto l'anno perché il clima è caldo in inverno e molto caldo in estate. Penso che la Sicilia sia stata naturalmente il luogo di nascita del gelato perché il gelato dà semplicità e convenienza da un lato, e un'opportunità di creatività dall'altro. Sono tutte componenti proprie della cultura siciliana. Credo che circa il 70% del gelato richiesto in Sicilia sia artigianale, questa cifra, secondo me, è più alta in Sicilia che nell'Italia continentale (55%) o in Europa. Come tutti i turisti ammettono, il gelato in Sicilia significa molto, molto di più di "solo gelato", è nutriente e rinfrescante. Puoi mangiare il gelato spesso e sarai soddisfatta. Ogni locale siciliano fornisce una combinazione unica e particolare d'ingredienti, sapori e aromi del gelato.


- Sì, so che alcune persone famose e non famose mangiano il gelato come cibo. Ma naturalmente, si può fare solo con un gelato artigianale e una composizione appropriata.


- Hai assolutamente ragione, il gelato dovrebbe essere considerato solo un alimento sano e prezioso, soprattutto, in Sicilia. Abbiamo bisogno di questo cibo a causa del clima caldo, in Sicilia è vitale avere cibo rinfrescante in estate. E così, vedo il gelato come un valore creato dal genio della Sicilia a beneficio di tutta l'umanità, grazie a Dio. Ricordate che il clima sta diventando più caldo sulla terra. La tradizione del cibo sano, semplice, conveniente e salutare sta avendo una nuova vita.


- Sono d'accordo. Ho anche notato che le persone che organizzano eventi come i festival o la settimana della moda includono attivamente il gelato nel menu per i partecipanti e gli ospiti. Il gelato può essere un piatto personalizzato perché si può fare qualsiasi forma con il gelato e includere diversi ingredienti. Le persone possono avere una grande varietà di preferenze alimentari, ma tutti mangiano il gelato. E anche coloro che non tollerano i latticini hanno le loro varietà speciali di gelato in questi giorni, con succo di frutta piuttosto che latticini.


- Un punto giusto - il gelato è più che altro un prodotto antico universale di base che ha una ricchezza di possibilità per dare vita alle idee. Ecco perché il gelato è probabilmente amato da tutti, e il gelato è un piatto sano per il quale possiamo avere qualsiasi livello di comunicazione. In Sicilia si tende a mangiare il gelato artigianale perché tutta la nostra cultura alimentare è costruita sulla comunicazione tra persone vicine che si fidano l'una dell'altra. Le persone che vengono in Sicilia sentono il nostro atteggiamento, e questo le cambia in meglio. Ottengono un fuoco d'artificio di sapori e aromi dalle mani dei siciliani, è l'Etna nel tuo piatto. Il gelato artigianale è meno grasso e più naturale e pastoso. Il gelato industriale ha più aria. Fondamentalmente, il gelato artigianale e quello industriale sono due prodotti diversi, e ognuno sceglie da solo quello che funziona per lui.


- Ricordiamo brevemente tutta la storia del gelato e costruiamo una filogenesi, considerando tutto e le origini più antiche del gelato sulla terra.


In primo luogo, la versatilità e l'utilità del gelato è confermata dal fatto che nell'antica Cina servivano un piatto di ghiaccio, latte e frutta, questo iniziò 3.000 anni a.C. Succhi di frutta refrigerati al momento del raccolto sono descritti dagli antichi ebrei del tempo di Salomone. L'esercito di Alessandro Magno consumava frutta ghiacciata e neve, latte, vino e miele durante le sue campagne in India e Persia. Nell'antica Roma, i dessert freddi a base di ghiaccio, neve e frutta erano usati per finire i pasti, si costruivano depositi di ghiaccio speciali, fonti scritte lo menzionano nel I secolo d.C. Nell'antica Siberia congelavano anche il latte e aggiungevano il miele ai trucioli di latte fin dall'antichità. Nell'antico Iran, a quanto pare, sapevano anche come conservare il ghiaccio e la neve di montagna fino all'estate nei depositi. Lì, hanno fatto una miscela di spaghetti, frutta, pistacchi, rosa e sciroppo di limone con ghiaccio pestato e neve. Gli arabi nell'VIII secolo d.C. impararono a conservare la neve e il ghiaccio portati dai cammelli dalle cime delle montagne.


In Sicilia, le varianti dei predecessori del gelato moderno sono conosciute sotto forma di granite e dolci che utilizzano latte, uova, panna, ricotta, miele, pistacchi e mandorle. Il metodo di montare una miscela di uova, latte e zuccheri è stato sviluppato in Sicilia. Questo metodo di raffreddamento lento della miscela è stato associato per la prima volta al sale marino e alla sostituzione del miele con lo zucchero di canna, che cresceva in Sicilia. Il ghiaccio siciliano delle catene montuose degli Iblei, dei Nebrodi, delle Madonie e dei Monti Peloritani veniva fornito in tutta Italia e a Malta. Anche il sale marino siciliano è un prodotto prezioso, conosciuto fin dall'antichità.


Nel XIV secolo, Marco Polo descrisse l'uso del salnitro per raffreddare il gelato. Nel XVI secolo, Caterina de' Medici portò in Francia un piatto che consisteva in palline di ghiaccio e frutta. Nel XVII secolo il pescatore palermitano Francesco Procopio Di Coltelli prese la macchina per montare il gelato inventata in famiglia e aprì un caffè letterario di fronte al teatro Comédie Française di Parigi. Penso che sia stata una decisione geniale del siciliano perché questo caffè ha attirato molti attori, poeti, critici, che sono diventati famosi descrivendo, tra l'altro, la gelateria, che esiste ancora con il nome di Procop. Procop ha servito 80 tipi di gelato. Iniziò lo sviluppo dell'industria del gelato, poiché 250 pasticceri parigini si unirono molto rapidamente per formare una società di gelati. Nel XVII secolo impararono ad aggiungere al gelato la crema alla vaniglia e la panna montata, chiamandolo "gelato napoletano". Nel XVII secolo il gelato arrivò in Inghilterra grazie al matrimonio reale di Henrietta Maria de' Medici e Carlo I.


Il gelato europeo arrivò in America con i coloni inglesi nel XVIII secolo. Inoltre, nel XVIII secolo, il gelato europeo arrivò in Russia. Nel XIX secolo al gelato si aggiungevano liquore, caffè e cioccolato. Nel 19° secolo apparvero nuove macchine per montare e raffreddare contemporaneamente il gelato, dando crescita all'industria del gelato e la prima fabbrica fu costruita in America. Il gelato ha così contribuito a inventare i frigoriferi. Nel 20 ° secolo, le persone hanno imparato a fare il gelato con la glassa al cioccolato. Cominciarono ad aggiungere al gelato noci, tè verde, erbe selvatiche, more, ananas e yogurt.


Nel 20 ° secolo, un gruppo di sviluppatori britannici, tra cui la giovane Margaret Thatcher, ha imparato ad aggiungere una volta e mezza o due volte più aria al gelato, rendendolo più morbido. È apparso anche un gelato più denso. Il contenuto di grassi del gelato industriale varia dal 15 al 3%. Ancora una volta, tutto questo ha poco a che fare con il gelato artigianale siciliano. Il gelato artigianale siciliano è fatto con i prodotti locali più freschi dai tuoi conoscenti della porta accanto, che visiti da molti anni, e loro sanno tutto ciò di cui hai bisogno. Non è la stessa cosa che comprare il gelato industriale al supermercato. Il gelato artigianale è composto per il 70% da latte, panna e cagliata e solo per il 20% da zucchero. Nel gelato di fabbrica è vero il contrario. Circa la metà del prodotto finito artigianale è costituito da frutta fresca e noci. Al posto del latte ci possono essere anche succhi di frutta fresca, yogurt. Può essere anche latte di riso per chi è intollerante al latte. Per il gelato di fabbrica, i processi sono strutturati in modo diverso e con prodotti diversi.


- Sì, oggi il gelato siciliano è un'arte di alto stile che permette di lavorare decine di ingredienti per ogni varietà al fine di ottenere il massimo equilibrio e complementarietà degli elementi della composizione. Oggi non si utilizzano solo mandorle e pistacchi, ma anche ananas e noci, una vasta scelta di frutti di bosco e frutta, tra cui fragole, ad esempio, diversi tipi di zucchero, diversi tipi di latticini, cioccolato e cacao, cannella e canditi, liquori e agrumi. Il design esterno del gelato è ogni volta un'opera d'arte. Ancora più importante, il gelato è un prodotto che ci connette durante le vacanze, persone di diverse età, status e istruzione. In Sicilia le ricette erano conservate nei monasteri, il gelato veniva preparato per le feste dei santi, come Santa Rosalia a Palermo, quando tutte le persone possono condividere un piatto tra di loro e stare insieme. Secondo me, questo significato spirituale del cibo lo rende il valore delle persone che ringraziano Dio per l'amore.


- Grazie, Nicolò, voglio assolutamente apprezzare il gelato siciliano nella pratica.


- Grazie, Elena, i siciliani sono felici di condividere la loro gioia con tutti coloro che vengono in Sicilia.

Comments


bottom of page