top of page
Cerca
  • Immagine del redattoreТимофей Милорадович

È possibile vedere l'anima? Sì.

Aggiornamento: 29 mag 2022




Ero nella Cattedrale di San Nicola Taumaturgo quando l'ho notato per la prima volta. Nella cattedrale si cantava, servizi divini serali. Rimasi in piedi, immerso nella mia ricerca intuitiva del miglior percorso di vita per me. Come potrebbe essere il miglior percorso della vita .. ai tuoi 23 anni? .. cercavo dei punti di riferimento per capire cos'è un percorso in generale e come distinguerlo al meglio da tutti gli altri. E in quel momento ho sbirciato in faccia a San Nicola. All'improvviso, mi sono reso conto che potevo stare ovunque sotto la cupola sentendo ancora su me stesso il suo sguardo dritto, aperto, attento. Come può essere?


E non è solo questo. Il suo sguardo abbracciava, guardava dal profondo, da qualche centro e gli occhi spalancati come certe sfere invisibili su e giù dal centro, afferrandomi alla mia sinistra e alla mia destra ... Come un enorme fiore intessuto da un sensazione, più simile a un profumo. Non c'è nulla sulla terra, infatti, che possa essere paragonato ad esso.


Ho iniziato a esaminarlo meglio e più attentamente, per capire come può essere. E ho cercato di entrare in quello stato che mi avrebbe permesso di avere lo stesso sguardo, di capire ... Questo era l'inizio del percorso.


Il percorso si è rivelato essere una lunga serie di anni. All'inizio era una biblioteca in chiesa, dove ho ingoiato i libri uno per uno, passando tutto attraverso me stesso, provando le descrizioni dei santi ai miei sentimenti e pensieri. Ricordo le raffiche di folli pensieri ribollenti che di tanto in tanto mi inondavano l'anima come onde del mare, confondendomi, e dovevo immergermi sotto queste onde, e lì ho scoperto il più dolce, tenero, continuo, sottile, infinitamente sentimento profondo che sale dal mio cuore alla corona e cresce durante la preghiera, non facendomi affogare .. Il centro è stato trovato.


Dalla biblioteca in chiesa, sono arrivata al reparto di chirurgia purulenta dell'ospedale, dove ho curato pazienti con gambe amputate, con cancrene e peritonite, diverse dozzine di loro morivano davanti ai miei occhi, giorno dopo giorno, dicendomi le storie delle loro vite. Poi il mio maestro spirituale mi ha mandato al monastero per alcuni anni a "vivere e imparare".


Da quel primo sguardo attento all'icona di San Nicola alla lettura del libro "Teologia dell'icona ortodossa" c'è stato un intero pezzo di vita - 7 anni. Ero felice, sentivo questo potere di un sentimento spirituale caldo e continuo, che saliva dal mio cuore al mio viso, agli occhi, cambiando la mia vista e il mio sguardo .. E l'ho capito solo un po ', ma il mio sguardo ora sembrava quello di San Nicola , almeno, mi sentivo così dall'interno. E poi ancora ... e ancora ...


Guardando una volta il volto della Vergine, mi sono accorto all'improvviso che non c'era nulla di superfluo o di poco chiaro nel Suo sguardo, ma c'era affetto, tenerezza.


All'improvviso, per me non sono diventate solo parole, ma una sensazione chiara, una comprensione di come questa sensazione entra dentro di me. Queste non sono solo onde sferiche di sentimenti che emanano dal centro, come enormi petali, ma sono petali intrecciati da sentimenti “puri” chiari e distinti, senza impurità insolite ed estranee. Ho anche scritto alcune icone io stesso, per sentirlo dall'interno.


In quel momento mi è apparso chiaro che i sogni uccidono, perché sono separati dalla realtà, e la realtà è amore, attenzione alle persone e alle cose. La realtà è una manifestazione attiva dell'amore, una volontà. Non c'è posto per il caso, o la contraddizione, tutto è intessuto in armonia con un unico filo dell'ascolto della grande tenerezza nel cuore. .. Non ci sono sogni, c'è la volontà, e tutta la storia della vita racconta come funziona.


Andavo con un taccuino e una penna in tasca e scrivevo i nomi di tutti i sentimenti che si muovevano nel mio cuore in risposta a qualsiasi parola o azione delle persone e del mondo in generale. Potrebbe essere qualsiasi cosa che mi ferisca profondamente o mi piaccia.


Una volta che mi è capitato di trovare il "nome" giusto per ogni sentimento, riferendomi alle descrizioni dei santi padri, ho avuto il predominio su questo sentimento, ho cominciato a controllarmi e controllare i miei sentimenti, non permettendo loro di controllarmi. Tutto era subordinato in me al sentimento centrale, così tenero e profondo che a volte provocava singhiozzi, a volte mi scioglievo come il miele, e non potevo lasciare questo sentimento nemmeno per un secondo, ho capito che questa è la grazia di Dio, è l'energia della vita, questo è amore, questo è uno spirito. La tenerezza di tale profondità e potere non può essere trovata nelle persone, tranne che Dio darebbe per sentirla, collegando le persone attraverso i sacramenti, noti solo a Lui e quelle persone.


Col passare del tempo, pian piano, ho capito che ogni persona è un'icona vivente, in quanto lo spirito dell'amore vive liberamente nella persona e si rivela nel bel fiore, che si apre dal cuore e si vede negli occhi, sul viso, e sentito nelle intonazioni.


Questa grande tenerezza rende le persone belle, donando loro quella misteriosa e inspiegabile bellezza che rende impossibile distogliere lo sguardo quando la vedi. Più precisamente, lo percepisci, quando puoi.


A poco a poco mi è anche diventato chiaro che questo fiore di sentimenti si apre anche interiormente nella profondità della persona, formando il corpo spirituale interiore. E rende una persona giovane e bella a qualsiasi età. Questo rende una persona sana e capace di molto perché è l'energia della vita. Ho anche visto che questa energia che vive nel cuore alimenta il talento di una persona, e le cose fatte da questa persona portano questa energia su di loro. E così le icone dipinte da persone in questo stato di senso sono diventate vere e proprie icone che riflettono lo stato di spirito e mente.


Ora, sono passati 7 pezzi di 7 anni nella mia vita e l'ottavo è iniziato. La mia vita è intera, porto dentro di me nel cuore, l'energia della vita, che mi riscalda sempre di più dall'interno. Non c'è spazio per la tristezza o per i sogni vuoti, vedo come i miei desideri si avverano e so che ciò che non si è ancora avverato lo farà in uno dei bei momenti in cui una grande tenerezza mi porterà al posto giusto a destra tempo.


Ora so che le persone sono come gli angeli e possono avere le ali, ea volte assomigliano a fiori enormi, petali piegati. Ed è la felicità che ho scoperto da solo la grande tenerezza di un senso che alimenta la voglia di creare e il talento. E ogni passo che faccio mi porta alla comprensione che il mondo è abitato dalle mie stesse creature, perché icone nel corso di molti secoli, scritte da persone diverse che vivono in luoghi diversi, raffigurano tutte le mie scoperte, confermando la realtà dell'esistenza spirituale. Siamo tanti, siamo uniti dall'amore.

Comments


bottom of page